E' uscito il videogame NICOLAS EYMERICH Capitolo II: IL VILLAGGIO

by Eymerich 23. settembre 2014 21:59

E' in distribuzione il secondo capitolo del videogioco scritto da Ivan Venturi e realizzato da Ticon Blu. Come il primo episodio, "La peste", è realizzato in diverse lingue, tra cui il latino, e comprende una versione per non vedenti. Come acquistarlo on line è specificato su www.eymerich.it.

Tags:

Valerio Evangelisti presenta IL SOLE DELL'AVVENIRE al centro sociale VAG 61 di Bologna

by Eymerich 13. marzo 2014 13:49

Video della presentazione de "Il Sole dell'Avvenire" al centro sociale Vag 61 di Bologna, il 28 febbraio 2014. Mancano le canzoni socialiste, anarchiche, garibaldine che intervallavano l'intervento.

Tags:

Su NAZIONE INDIANA Andrea Sperelli recensisce IL SOLE DELL'AVVENIRE

by Eymerich 28. febbraio 2014 10:25

di Andrea Sperelli,
da Nazione Indiana, 23 febbraio 2014.

Semplificando, ci sono tre elementi principali nell’ultimo libro di Valerio Evangelisti: 1) i movimenti rivoluzionari di fine Ottocento, nati e cresciuti sull’onda lunga della Comune di Parigi e dei moti garibaldini; 2) la repressione dei governi monarchici filoliberisti (anche allora!), la violenza del potere schierato con le classi dominanti: violenza istituzionale, esercitata con leggi che vietano persino l’esibizione di una pochette rossa, o di fischiettare un motivetto “sovversivo”, e quella ottusa dei loro cani da guardia, gli “sbirri” che sparano sui disoccupati che reclamano pane e lavoro; 3) le storie romanzesche di tre personaggi portanti, le loro speranze, la loro miseria, la loro oppressione individuale e sociale.

Con tale premessa qualcuno potrebbe temere una poderosa opera ibrida, un mix didascalico di storia, saggistica e narrativa, quest’ultima posta su un piano accessorio. Di servizio per così dire, pertinenziale alla narrazione oggettiva degli eventi epocali.

Non è così. L’abilità di Evangelisti sta proprio nella fusione dei meta-argomenti nel racconto e nella scrittura. Con la nostra semplificazione potremmo suddividere l’opera in tre pesature: 15% storia/analisi dei movimenti operai, 15% rappresentazione del potere reazionario e bigotto, 70% storie romanzesche. Sono queste che “tirano”, che creano la tensione narrativa, ospitando sullo sfondo piccoli e grandi personaggi storici: Andrea Costa, i socialisti e gli anarchici romagnoli, nomi che vediamo scritti sulle targhette delle strade, Nullo Baldini, Gaetano Zirardini, Filippo Turati, Bakunin. E il racconto è avvincente, appassionante. Forse perché l’ideologia sembra assente, oppure è riscattata dalle vite semplici dei protagonisti, che sono spinti da bisogni primari, o primitivi: procurarsi un lavoro, uno qualsiasi, scarriolante, bracciante, facchino, garzone, pescatore. Il fine è il cibo, il vestiario, un tetto sulla testa. Bisogni che un potere ingordo e avido nega loro, rubando anche le briciole e gli stracci. E vietando non solo di protestare per la loro miseranda condizione, ma di esistere: vietato mendicare, discutere, chiedere il pane. Vietato cantare. Vietato riunirsi per discutere. Pena l’arresto, i pestaggi, la rovina economica, fino alla morte, coi soldati che sparano sulla folla addirittura col cannone, come avvenne a Milano nel 1898, dove ci furono più di ottanta morti e 500 feriti.

In questo scenario si dipanano le storie personali e famigliari dei tre protagonisti: il ravennate Attilio “Tiglio” Verardi, ex garibaldino che ha combattuto a Digione nel 1870, quando il generale era intervenuto coi volontari in camicia rossa in sostegno della Repubblica, contro i prussiani. Tiglio è un romagnolo purosangue, impulsivo, un po’ confusionario (o confuso), generoso. Non è escluso che sia anche un “contaballe”, perché, come ha detto lo stesso Evangelisti, se “il carattere romagnolo esiste”, la romagnolità è anche farla “grossa”, contarla da “sburoni”. Tiglio si arrangia con lavori saltuari, bracciante perlopiù, lavori che talvolta perde perché le opere pubbliche scarseggiano, o i padroni licenziano, oppure combina qualche guaio. E’ fidanzato con Rosa, che proviene da una famiglia di mezzadri, i contadini che vivono isolati nelle case coloniche, lavorando come animali per soddisfare l’esosità dei padroni. Benché sfruttati, derubati, umiliati, difendono il sistema contro i socialisti e i collettivisti, perché la mezzadria rappresenta “l’unione tra capitale e lavoro”. Oltre a Tiglio, Evangelisti crea dei grandi personaggi letterari, come il fratello di Rosa, il terribile “azdor” repubblicano antisocialista, reazionario e al contempo mangiapreti, violento quanto spaventato di fronte al padrone che lo ricatta, lo insulta; cambia persino voce, piega la schiena, perché ha paura; non tanto per sé, ma per la famiglia che deve mantenere. Tiglio e Rosa vanno a vivere in una stamberga a Ravenna, dove nasce il figlioletto Canzio (dal cognome di un generale garibaldino). Tiglio per sbarcare il lunario va a lavorare alla bonifica dell’agro romano, e qui lo perdiamo, perché il racconto ha una virata. Ora tocca a Rosa. E’ lei che riceve il testimone del racconto. E’ una donna timida, sola, spaventata. Per certi versi è irritante, perché torna a casa, nel podere a mezzadria, a vivere la sua condizione di donna che non può neanche mangiare a tavola con gli uomini (le donne mangiavano nel portico, o sulla porta). Continuano i sacrifici, le umiliazioni, la paura, con le incursioni del padrone ladro, sullo sfondo dei moti operai repressi dalla sbirraglia, i militanti arrestati, ricercati.

Come Canzio, che cresce solitario e scontroso occupandosi delle bestie, dormendo nella stalla. Canzio adora il padre, del quale mitizza il passato garibaldino, ma è costretto a seguire la madre, per una sentenza del tribunale. E’ lui ora, ragazzino appena tredicenne, già clandestino perché ha messo fuori combattimento il padrone-vampiro dalle buone maniere, a condurre la terza parte del romanzo. Cerca il padre, che nel frattempo si è ammalato nelle paludi mefitiche, si sposta da Ravenna a Bologna, protetto dalla rete dei socialisti rivoluzionari, lavorando come fattorino negli alberghi, o come tuttofare nella tenuta agricola di un possidente socialista. E’ un personaggio vitale, un ribelle adolescente, che chiude il triangolo formato dall’esuberante ma al contempo confuso Tiglio, e dalla sottomessa, ma tenace, Rosa.

Evangelisti riesce a calare il lettore nella Romagna di quegli anni terribili, anni di sfruttamento, di miseria, di sconfitte, ma anche di lotte senza quartiere, di speranze e di progetti. Non si permette mai filippiche o tirate ideologiche. I linguaggi sono semplici, anche quando si discute di strategia politica, nell’eterno conflitto anarchici-socialisti rivoluzionari. Tra le parole serpeggia l’amore per i personaggi, qua e là una sottile ironia, un’attenzione per i caratteri e i linguaggi romagnoli, che dimostra di conoscere a fondo (ha avuto la madre romagnola). E anche rabbia e indignazione, benché non si abbandoni mai a sfoghi, ma la lasci viaggiare per così dire in incognito, nella cronaca spietata delle violenze e dei saccheggi che sono costretti a subire gli ultimi degli ultimi, da parte di quei volgari ladri di polli che sono i padroni dalle belle braghe bianche e dei loro eserciti di sbirri assassini.

Tags:

Su INTERNAZIONALE Goffredo Fofi recensisce IL SOLE DELL'AVVENIRE

by Eymerich 9. febbraio 2014 22:01

DALLA PARTE DEGLI OPPRESSI
di Goffredo Fofi (da Internazionale, 7-13 febbraio 2014)

Prima di inventare Eymerich e un ricco ciclo di vicende fantastiche, Evangelisti si occupava di storia del movimento operaio e contadino, in particolare emiliano-romagnolo (Odoya ha ristampato i lavori scritti con Emanuela Zucchini), ed è a questo che torna con questo romanzo, primo di una trilogia. Sa di quel che parla e, in una lingua piana e senza fronzoli, lega le vicende di una famiglia a quelle della storia italiana, narrata dal punto di vista degli sfruttati e degli oppressi. Tra il 1875 e il 1898, l’anno di Bava Beccaris e delle sue stragi, le vicende di Attilio Verardi, bracciante ex garibaldino,, socialista dal carattere debole, e di sua moglie Rosa, di famiglia mezzadrile repubblicana, e del figlio Canzio, per secondo nome Spartaco, sono legate a quelle di un movimento nascente – diviso nelle sue correnti ma unito dal rifiuto di uno stato delle cose iniquo e classista – e dai suoi leader che si chiamavano Costa e Cipriani, Saffi e più avanti Turati. Nessuno sfugge alla storia, e per i proletari che lo sanno la vita è vita di sfruttamento e di lotte. Se i personaggi hanno a volte troppa coscienza di ciò che accade, la strada seguita dall’autore è appassionante e oggi, in mezzo a un popolo di coscienza e memoria nulle, la sua scelta di tornare al romanzo storico e sociale appassiona e convince.

Tags:

Valerio Evangelisti presenta a Faenza IL SOLE DELL'AVVENIRE

by Eymerich 22. gennaio 2014 22:48

Valerio Evangelisti ha presentato l'11 gennaio 2014, a Faenza presso il circolo ARCI "Prometeo", il suo romanzo Il sole dell'avvenire (ora alla seconda ristampa). Questo è il filmato dell'evento, suddiviso in dieci parti. Terminata una, è possibile passare alla successiva. Molto spazio è occupato dall'accompagnamento musicale, caratteristico della bellissima serata.

Tags:

Su IL BECCO Dmitrij Palagi recensisce IL SOLE DELL'AVVENIRE

by Eymerich 31. dicembre 2013 21:58

(Da Il Becco, 6 dicembre 2013.)

Eppure pensavo di essere preparato.

Un romanzo di Valerio Evangelisti ambientato nell’italia post-risorgimentale, tra reduci garibaldini, repubblicani, anarchici e socialisti. Il racconto di braccianti, contadini e protagonisti della quotidianità (anche se compaiono i nomi studiati sui libri di  scuola).
Per nulla preparato, invece.
Ritrovarsi a bagnare l’e reader, appena finito di divorare il romanzo dopo una notte in bianco e una agognata pausa pranzo... ecco perché uno compra anche la versione elettronica, per non bagnare la carta e conservare la preziosa prima edizione. Da quando ho memoria non era mai capitato di commuovermi sul serio per un romanzo... Il soprannome di orso si conquista per meriti manifesti.
Decido quindi di rompere con lo stile abituale dei miei articoli. Voglio solo esortare. Leggetelo, compratelo, regalatelo, fatelo comprare. Devono uscire altri due libri e deve essere nelle librerie di chiunque si dichiara interessato delle cose del mondo. 

Un libro in grado di scuotere profondamente, trascinando senza sosta da un protagonista a un altro. Oltre all'indimenticabile Carl Max l’asino, c’è un’intera epopea in cui perdersi, con continui appunti e evidenziature da fare, che promettono lunghi approfondimenti al termine della prima lettura (per cui c'è l'indispensabile Storia del partito socialista rivoluzionario ripubblicato recentemente da Odoya, dello stesso Evangelisti). 
Non c’è nessun sensazionalismo o ostentazione di sentimentalismi.
A colpire non sono neanche i possibili parallalelismi col presente: l’immigrazione come questione sociale, la guerra tra poveri, il precariato, l’organizzazione dei lavoratori, la Grecia in bancarotta, la speculazione edilizia, l’arroganza del potere economico, l’asservimento di quello politico, ... .
C’è l’orgoglio dei “poveracci”, di quelli che riescono ad andare avanti e che con le loro lotte hanno permesso un secolo di emancipazione e di conquiste dei diritti.
Quel che resta della sinistra italiana è spesso tanto miserabile da portare ad un cinismo privo di speranza anche i più giovani. Tanto da dimenticare che è esistito un tempo in cui i socialisti non erano considerati dei ladri, ma anzi pericolosi rivoluzionari. 
Un’origine che non aveva bisogno del comunismo (come parola), quando un’amalgama di anarchici e marxisti prendeva vita nei cuori (e nei corpi) di quelle che poi sarebbero state chiamate “classi sociali di riferimento”. Perché ci si organizzava per lottare, perché nascevano le cooperative, le camere del lavoro, perché la solidarietà diventava una forma di resistenza... C’è un insieme di sensazioni che non ha senso provare a mettere per scritto. Si canta con i sonetti riportati da Evangelisti, si alza il pugno con le donne che incitano allo sciopero, si beve negli accesi confronti tra anime diverse della prima internazionale (poi della seconda).
Leggere, far leggere, regalare, far comprare Il sole dell’avvenire è un’azione politica, un piccolo gesto rivoluzionario, in un’Italia schiacciata dalla disillusione e dalla rabbia priva di progettualità.
Forse era un pianto di speranza, da troppo tempo assuefatta da interminabili riunioni consumate in quel che è il residuo della sinistra extraparlamentare. Forse è il freddo di una Firenze insolitamente gelida (e di una casa in cui non funziona il riscaldamento). Forse è la storia di socialisti che erano tali perché tra chi non ha niente bisogna aiutarsi. Ma mi piace pensare che sia la presunzione di appartenere a una storia fatta di “povera gente” a cui dobbiamo la “civiltà” che i padroni cercano di distruggere, ancora oggi, con determinazione e ostinazione. Il sole dell'avvenire ha il merito di far riemergere un orgoglio che a sinistra manca da troppo tempo, fatto di rabbia sociale, di dura realtà, di continui ostacoli e limiti. Di cieli da assaltare.

Una storia di compagni, che lascia la voglia di essere all’altezza dello loro dignità. Che sarà frutto di finzione narrativa, ma è capace di trasmettere più di qualsiasi corso di studi, più di qualsiasi manuale rivoluzionario.

Tags:

Zapata, su FILOSOFIPRECARI.IT, recensisce IL SOLE DELL’AVVENIRE

by Eymerich 30. dicembre 2013 17:00

Per una genealogia del proletariato italiano. Potrebbe essere questo un altro sottotitolo possibile per l’ultima produzione letteraria di Valerio Evangelisti “Il Sole dell’Avvenire”, edito dalla Casa Editrice milanese Mondadori. Certamente sarà nostra cura inserire il libro in una ipotetica vetrina di interventi letterari (senza necessariamente dover chiamare un “genere” per definirli) che da qualche anno indagano la genesi del nostro protagonismo rivoluzionario e le sue alterne vicende italiane. Nel progetto dell’autore il focus territoriale deve essere senza dubbio l’Emilia Romagna, per un periodo storico che dalla fine dell’Ottocento si inoltra fino alla metà degli anni Cinquanta del Novecento. Il libro racconta di Famiglia ed Amicizia, narrando le vicende pubbliche e private di una fitta rete comunitaria che attraversa la Storia e, soprattutto, le Storie di ogni Essere umano che la intreccia. Sullo sfondo l’arte della Vita, tra lavoro ed impegno sociale. Compassione e partecipazione. Dove l’impegno sociale non è solo un investimento del tempo libero, o peggio ancora una banale professione, ma una necessità per costruire sopravvivenza collettiva. Pane e Lavoro.

Vivere lavorando o morire combattendo, recita l’eco di copertina, evocando uno slogan politico che accompagnava alcuni sommovimenti dei lavoratori nella Francia di metà Ottocento, tradotto in Italia sulle bandiere rosse e nere del socialismo rivoluzionario prima della (ri)organizzazione a tappe forzate subita dalla galassia più o meno conflittuale del movimento proletario italiano (si fa riferimento ad anarchici, repubblicani, ex garibaldini e mazziniani, democratici radicali e socialisti) non solo romagnola ma nazionale. Vivere lavorando o morire combattendo è anche il fil rouge che attraversa tutte le circa cinquecento pagine del libro. Un libro che riprende lo stile allo stesso tempo narrativo e didattico di “One Big Union”, splendido affresco del sindacalismo rivoluzionario americano di inizio Novecento. Attilio detto “Tilio”, suo figlio Canzio, la moglie Rosa e la Famiglia Minguzzi tutta. Il maestro Romeo Mingozzi, Gaetano Zirardini anche detto “Tanino” e la sua Famiglia. Isa e Ricciotti Garibaldi. E tanti altri. Braccianti e Fattori. Padroni e lavoratori. Sfruttati e sfruttatori. Nomi e Cognomi. Tutti protagonisti di una rappresentazione che ha per soggetto principale le relazioni umane. La loro trasformazione continua sulle ondate violente della modernizzazione (tanto economica quanto politica) che stravolge totalmente i nuclei familiari ed una incredibile rete comunitaria di mutuo soccorso tra “poveri”. Il senso della povertà aveva una dimensione spirituale totalmente diversa. Eppure questa “modernizzazione” travolge non solo alcuni equilibri di proprietà (ad esempio la mezzadria) ma soprattutto annienta questo ricchissimo campo sociale di intervento collettivo che faceva da argine alle disgrazie della Vita privata, alla disoccupazione ed all’alcolismo diffuso. La “tecnica” spazza via quel socialismo “caldo” che si fondava principalmente sul mutualismo comunitario, sul collettivismo che facilmente si saldava con le istanze più avanzate dell’anarchismo e di un certo repubblicanesimo democratico e radicale. Vivere lavorando o morire combattendo è anche uno snodo schizofrenico della coscienza. Lavoro e Conflitto. Lavoro o Conflitto. Da ultimo, per questa prima parte de “Il Sole dell’Avvenire”, quel senso alto della compartecipazione alle sorti del Mondo porta questi ultimi socialisti “caldi” (contro la “freddezza” del socialismoscientifico) ad attraversare l’Adriatico per compiere l’ultima impresa, in Grecia, cercando di difendere la culla della Democrazia dal dominio ottomano. Torneranno a casa, sconfitti eppure acclamati.

“Il Sole dell’Avvenire” racconta una trasformazione profonda non solo delle attività produttive (la decadenza di alcune professioni a favore di altre e la ricaduta sociale di questi eventi) ma soprattutto nelle modalità di organizzazione del Lavoro per far fronte a queste trasformazioni. Così narra l’approdo del socialismo “caldo” nel recinto del socialismo scientifico che dal “milanese” innervava tutto il movimento operaio provocando innanzitutto scissioni. Divisioni (e poi eventualmente alleanze) con le altre aree dell’antagonismo. In questo modo un immaginario costruito sul mito garibaldino, sulle avventure mazziniane e sul mutualismo anarchico andava piano piano scomparendo per far posto ai dogmi “forti” della nuova Verità rivoluzionaria. Al “gradualismo” del Partito Socialista, all’evoluzionismo della dottrina scientifica di Carlo Marx. La trasformazione è stata tanto pesante da cancellare totalmente questa galassia di slogan, immagini e parole. Il lavoro di Valerio Evangelisti ha il merito di recuperare questo rimosso, per regalarlo al presente come testamento critico di un’attualità che deve essere ancora costruita.

Tags:

Powered by BlogEngine.NET 3.1.0.1
Theme by MoonEclypse

Calendar
<<  luglio 2017  >>
lunmarmergiovensabdom
262728293012
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31123456

Vedi i post nel calendario più grande
Month List