Valerio Evangelisti presenta al centro sociale VAG 61 di Bologna IL SOLE DELL'AVVENIRE vol. 3: NELLA NOTTE CI GUIDANO LE STELLE

by Eymerich 6. marzo 2016 03:18

Il 28 febbraio 2016 Valerio Evangelisti, introdotto da Giorgio Cremaschi, nome storico del sindacalismo italiano, ha presentato al centro sociale Vag 61 il vol. 3 de Il sole dell'avvenire. La presentazione era intervallata da canzoni citate nel libro, eseguite dal fisarmonicista David Sarnelli e dalla cantante Margherita. Nel video, gli ultimi 12 minuti dell'evento, durato circa due ore.


Tags:

Su IL PRIMO AMORE Antonio Moresco recensisce IL SOLE DELL'AVVENIRE vol. 3: NELLA NOTTE CI GUIDANO LE STELLE

by Eymerich 4. marzo 2016 04:17

CE L'HAI FATTA, VALERIO di Antonio Moresco (da Il Primo Amore, 3 marzo 2016)


È finalmente uscito il terzo volume del Sole dell’avvenire di Valerio Evangelisti. Titolo di quest’ultima parte: Nella notte ci guidano le stelle. L’ho letto d’un fiato, anche perché volevo conoscere le vicende dei diversi personaggi che avevo lasciato alla fine della seconda parte. Perché quest’opera monumentale è uscita in tempi rapidi sì, ma pur sempre a una certa distanza un volume dall’altro, e il lettore contemporaneo alla sua stesura è stato inevitabilmente costretto a due coitus interruptus prima di arrivare alla fine della vicenda. Spero che questo romanzo venga presto pubblicato tutto insieme e invidio chi potrà leggerlo così. 
La prima cosa che ho pensato alla fine è stata: “Ce l’hai fatta, Valerio”. 
Non era un’impresa facile mettere mano a una narrazione così vasta e così felicemente inattuale, dove avviene una moltiplicazione di forze tra lo storico e il romanziere, che fa emergere passo dopo passo le nostre radici e tutto il dolore e il sogno in cui affondano. L’enclave di questo libro, la ribollente Romagna dell’Ottocento e del Novecento, diventa qui il microcosmo attraverso cui si può leggere con emozione e partecipazione la storia d’Italia e non solo. 
Quest’ultimo romanzo è diviso in tre parti, che prendono il nome di tre personaggi del libro e di tre “figli”: il primo Tito, il secondo Destino, il terzo Soviettina. La prima parte è tragica, la seconda picaresca, la terza epica. 
Quest’ultimo volume, che narra del fascismo divenuto regime, è ancora più drammatico degli altri, anche se la mano dell’autore è come sempre leggera e riesce a coniugare la tragedia con la spinta narrativa incessante, la commozione con il riso, l’epica con la mancanza di retorica e trombonaggine, il tutto con un passo elementare e costante. Il quadro è cupo e a volte disperato, ma Valerio ci tira su ogni tanto il morale con Cincin. 
Attraversiamo nella prima parte, seguendo la vicenda di Tito, la tragedia di una vita contrassegnata da un’inestricabile schizofrenia, che mostra bene, dall’interno e con la seconda vista del romanziere, la doppia anima del fascismo, nato da una costola del socialismo e divenuto braccio armato di agrari e di industriali e, alla fine, dell’invasore nazista. Nella seconda parte troviamo l’emigrazione antifascista e la guerra di Spagna, con le sue lotte suicide tra comunisti, anarchici e socialisti delle varie fazioni, male endemico, inguaribile e permanente della sinistra. Nella terza viene narrata, tra le tante altre cose, la tragedia dell’8 settembre, la caduta del regime fascista, la Repubblica di Salò, gli eccidi e la pratica della tortura, il lavoro delle staffette e la lotta partigiana, nella sue forme più ideologiche e organizzate e in quelle più fantasiose e guascone, insieme alle vicende personali e amorose, che sono il filo conduttore di tutte le parti di questo libro e degli altri due che l’hanno preceduto. 
Il libro non delude le aspettative, tiene fino alla fine e anzi cresce. E’ frutto di anni di lavoro, portati avanti e a termine con la caparbietà e la ricchezza di mezzi del narratore di razza d’altri tempi. Il fatto che la sua stesura sia stata attraversata anche da una durissima malattia (raccontata con la consueta eleganza da Valerio in Day Hospital) rende questo libro, oltre a tutto il resto, anche una lezione di coraggio e di nobiltà. 
Ripeto qui quello che ho già scritto in una delle due segnalazioni precedenti (
qui e qui): quest’opera è così ben articolata e scandita, i suoi dialoghi sono così efficaci e precisi che potrebbe essere presa così com’è e dare vita a un’impresa cinematografica o televisiva memorabile. 
Nelle ultime righe dei ringraziamenti Valerio scrive: “Questo è veramente l’ultimo volume de Il sole dell’avvenire. Va considerato, nelle sue tre parti, un unico romanzo. Non ci saranno seguiti che arrivino al presente, come alcuni mi chiedono.” Sono d’accordo, la storia deve finire qui, a questo punto drammatico e alto. E poi l’autore conclude, con un guizzo finale: “La cupezza ha un limite e io, malgrado la foto della quarta di copertina, sono di indole allegra.”

Tags:

Su MICROMEGA Luca Cangianti recensisce IL SOLE DELL'AVVENIRE vol. 3: NELLA NOTTE CI GUIDANO LE STELLE

by Eymerich 26. febbraio 2016 03:42

Il Sole dell'Avvenire, attraverso il fascismo e la Resistenza

di Luca Cangianti (da Micromega, 24 febbraio 2016)

È uscito "Nella notte ci guidano le stelle", il terzo e ultimo volume del Sole dell'Avvenire (Mondadori Strade Blu), l'imponente trilogia inaugurata da Valerio Evangelisti con la pubblicazione del primo volume nel 2013 ("Vivere lavorando o morire combattendo”), al quale è seguito nel 2014 il secondo ("Chi ha del ferro ha del pane"). La saga narra le vicende di alcune famiglie romagnole e costituisce un unico romanzo, anche se ogni singolo volume può esser letto autonomamente. La narrazione parte con l'Italia post-risorgimentale e arriva fino al secondo dopoguerra.

I protagonisti del nuovo volume sono tre e a ognuno di essi è dedicata una parte specifica del libro. Spartaco, "Tito", Verardi è un ex legionario fiumano, un fascista della prima ora. È un villain drammaticamente scisso: ama i genitori che sono socialisti, ma ne è respinto; è progressivamente deluso dal fascismo - che da strumento della "rivoluzione" dei produttori contro il "parassitismo" si evolve in braccio armato dei grandi proprietari terrieri - ma non riesce a separarsene; odia i socialisti e la "plebaglia rossa interessata solo ai problemi alimentari", ma ha una segreta ammirazione per Lenin. Grazie alla psicologia profonda e oscura di questo personaggio riviviamo contropelo la tragedia degli anni venti, con un partito socialista prima forza parlamentare, ma completamente imbelle di fronte alla distruzione delle istituzioni proletarie (camere del lavoro, leghe di resistenza, cooperative, case del popolo). I dirigenti socialisti assistono ai pestaggi e agli omicidi che umiliano operai e contadini ridando forza ai ceti benestanti, ma sostengono la tesi dell'ondata che passa, del "coraggio della viltà". Il Psi si divide in mille fazioni pensando di poter esser difeso dal liberale Giolitti e dalle forze dell'ordine, mentre queste coprono i fascisti o partecipano attivamente alle azioni squadristiche. Tito quasi non crede ai propri occhi e riferendosi ai suoi nemici commenta: "Questi sono matti". La verità è che, dopo anni passati in attesa del sole dell'avvenire, i socialisti sembrano temere più la rivoluzione che il fascismo. 

Anche Destino Minguzzi è figlio di socialisti romagnoli, ma cresciuto sotto il fascismo negli anni trenta, deve passare per molte prove e peregrinazioni per formarsi una coscienza politica. Alcune pagine molto belle descrivono la Barcellona rivoluzionaria del 1936 che reagisce al colpo di stato franchista: i toreri salutano la folla a pugno chiuso; i posti di lavoro, caffè inclusi, sono socializzati; ovunque si cantano canzoni ribelli e, nonostante le molte difficoltà, la gente per strada ha un volto felice. Qui l'iniziale ingenuità di Destino si scontra con l'emergere dello stalinismo che in ossequio alla ragion di stato sovietica si oppone alla rivoluzione sociale per non inimicarsi Francia e Inghilterra. Chi non è d'accordo con questa condotta, come gli anarcosindacalisti e specialmente i comunisti eretici del Poum, è definito quinta colonna del nazismo e, dopo il maggio 1937, perseguitato dal governo autonomo catalano, ormai sotto l'influenza di Mosca.

Al personaggio di Soviettina, "Tina", Merighi è dedicata la parte del libro che si svolge in Emilia Romagna dalla seconda guerra mondiale fino agli anni cinquanta. Tina è una ragazza che dà ordine agli eventi partendo dalle esperienze vissute in prima persona. Attraverso il suo sguardo assistiamo alle incredibili, ma storicamente accertate, imprese della banda di Sirio Corbari, un supereroe partigiano, un vendicatore dei torti che agisce insieme all'affascinante e coraggiosa Iris Versari. Corbari era abilissimo nei travestimenti, "Compariva in abiti da viandante, da venditrice di uova, da sacerdote, da milite della GNR, da vecchietta con un panierino di formaggi"; aveva il gusto della beffa e la spavalderia sanguigna dei romagnoli. Per questo era temuto dai fascisti e infastidiva certi dirigenti del Pci che non apprezzavano il suo comunismo fatto di zone liberate, espropri, redistribuzioni, socializzazioni immediate e feste danzanti.

"Nella notte ci guidano le stelle" si legge tutto di un fiato grazie a un uso sapiente dei dialoghi, dei riferimenti alla stampa e alle canzoni del tempo. È un romanzo storico ricchissimo, non propone teorie, ma ci aiuta a capire perché il sole dell'avvenire non sia sorto, senza toglierci il desiderio di vederlo un giorno spuntare all'orizzonte.

Tags:

Su IL BECCO Dmitrij Palagi recensisce IL SOLE DELL'AVVENIRE vol. 3: NELLA NOTTE CI GUIDANO LE STELLE

by Eymerich 8. febbraio 2016 04:12

Da Il Becco, gennaio 2013

Nel corso della storia ci sono sempre stati oppressi e oppressori. Nella categoria di questi ultimi troviamo la maggiore miseria umana.

Il fascismo ha saputo esprimere il peggio di alcune persone, senza però inventare niente. Il terzo volume del Sole dell’Avvenire di Valerio Evangelisti conclude un’epopea popolare in cui ogni semplificazione viene annientata. Le classi dominanti scrivono troppo spesso le interpretazioni del passato, mentre Nella notte ci guidano le stelle prosegue la narrazione di gesta proletarie, esemplari quanto semplici (sulla carta). L’espressione di un coraggio che nasce da forme diverse di amore e dignità.

Non è facile muoversi in decenni di oscura repressione, con una dittatura priva di riferimenti ideologici, tutti ridotti alla sola sete di potere, alimentata da compiacenti proprietari terrieri e industriali, spaventati dal possibile sorgere di una nuova epoca.

È il volume più difficile della trilogia, che ci parla di un tempo sufficientemente familiare alla nostra memoria per poterci mettere a disagio.

Attorno al periodo storico affrontato in questo libro va avanti da tempo un inutile dibattito: le rivolte durante il ventennio fascista furono di matrice sociale o avevano anche valenza politica? Come se ognuno di noi fosse in grado di separare con facilità e lucidità le diverse motivazioni che ci spingono nelle nostre scelte.

La fine del Sole dell’Avvenire conclude una parabola del socialismo impossibile da rintracciare dal secondo dopoguerra, per come siamo abituati a guardarci indietro. Diamo per scontato il passato, sterilizzandone ogni possibile utilità. Dimentichiamo chi ha ascoltato le "grida oscene" della barbarie e non riusciamo a commuoverci per quell’impeto con cui ci si opponeva alla peggiore oscurità, cantando “morte alla morte, morte al dolor!”.

Con la solita attenzione ai dettagli e lucidità storica Valerio Evangelisti è impietoso rispetto alle divisioni della galassia antifascista, comunista, anarchica e socialista. Attraversa le diverse forme di risposte all’ascesa di Mussolini, indaga le motivazioni che portarono alcuni socialisti ad indossare la camicia nera, passa per i circoli di esuli a Parigi e con impressionante coraggio si immerge nella quasi incomprensibile lacerazione che divise la Spagna, durante l’ascesa di Franco.

L’imponenza della trilogia del Sole dell’Avvenire merita studi, analisi e convegni, che infine potrebbero rivelarsi di dubbia utilità se non vivessero questi romanzi come preziosi spunti, per volgere lo sguardo alle proprie spalle con il giusto atteggiamento. Nel rugby si usa l’espressione “andare avanti guardando indietro”. La possibilità di lottare per le proprie idee è un privilegio consegnatoci dal “quarto stato” che marciò contro la determinazione della borghesia tra la fine del XIX secolo e il XX.

La lotta di classe è sopravvissuta a due guerre mondiali, per poi impantanarsi in un lungo arco di tempo, a cui però Evangelisti non è interessato come autore letterario.

“Non voglio toccare temi che riguardino la mia stessa biografia (sono nato nel 1952). Non sarei sereno e distaccato il necessario dalla materia” (intervista a SetteSere).

Forse è impossibile ritrovare un’epica autentica durante la propria contemporaneità, per chiunque ed in qualsiasi tempo. Anche perché sono pochissime le persone  in grado di ricercare la verità senza rassegnarsi al cinismo, come invece riesce a fare Valerio Evangelisti.

Evitare mitologie di propaganda e accettare la bellezza per i limiti che ha, ritrovandola nei gesti delle prostitute ravennati, nel coraggio di chi rimane vittima sotto qualsiasi regime (prima, durante e dopo il fascismo).

La trilogia si chiude nel modo meno rassicurante, anche se non è l’autore a deciderlo, ma il nostro presente.

Libri come questo sono rari ed esigono di essere utilizzati nel migliore dei modi.



Tags:

Il 26 gennaio in libreria IL SOLE DELL'AVVENIRE vol. 3: NELLA NOTTE CI GUIDANO LE STELLE. I ringraziamenti

by Eymerich 13. dicembre 2015 04:02

Come già annunciato, il 26 gennaio 2016 uscirà il terzo e ultimo volume de Il Sole dell'Avvenire, per Mondadori Strade Blu. Anticipiamo la pagina finale dei ringraziamenti.

Sono grato, per questo terzo volume, a Federica Proni da Bagnacavallo (RA), che mi aveva già fatto da consulente per il dialetto romagnolo, e anche alla sua collega in archeologia Silvia Samorì, da Modigliana (FO). Non tanto per l’aiuto lessicale (nel romanzo le frasi dialettali sono rare, e a volte in bolognese), quanto per avermi procurato un testo di non facile reperimento: Luigi Cesare Bonfante, La guerra nelle mie valli, 2 voll., Tipolitografia Valgimigli, Faenza, 2006.

Opera singolare, di oltre mille pagine complessive, scritta nell’arco di più di un trentennio e pubblicata a spese dell’autore. Vi si narra, attraverso le vicende quotidiane di centinaia di abitanti di  Tredozio, Modigliana, dei monti circostanti e di Faenza, di come fu vissuto il secondo conflitto mondiale nelle zone tra Romagna e Toscana. Ciò attraverso testimonianze dirette, documenti, memorie scritte. E’ l’unico testo attendibile (e direi inconfutabile) sulle gesta della banda Corbari.

Uguale gratitudine per l’amico Francesco Mattioli, che ha registrato e trascritto i ricordi della nonna Mafalda, contadina negli anni compresi nel romanzo. Vi è descritto, con abbondanza di dettagli, il lavoro nei campi.

Francesca Valentini, dell’università di Trento, mi ha fatto avere l’opuscolo, a cura del Comune di Forlì, Le vittime del fascismo in Romagna, 1921-1923, Tipolitografia Forlivese, 1973, oggi presente solo in alcune biblioteche regionali.

Gli ultimi capitoli del mio romanzo sono largamente basati sulle memorie della mondina e partigiana Erminia “Ermina” Mattarelli, raccolte da Michela di Mieri. Inizialmente pubblicate dal circolo Iqbal Masih di Bologna in un libretto, sono oggi leggibili sul sito www.carmillaonline.com, digitando Erminia Mattarelli nel motore di ricerca. E’ deceduta e non posso ringraziarla. Rendo tuttavia un omaggio postumo alla sua dignità e al suo coraggio.

Questo è veramente l'ultimo volume de Il Sole dell'Avvenire. Va considerato, nelle sue tre parti, un unico romanzo. Non ci saranno seguiti che arrivino al presente, come alcuni mi chiedono. La cupezza ha un limite e io, malgrado la foto della quarta di copertina, sono di indole allegra.

Tags:

SCIENCE FICTION STUDIES si occupa della fantascienza italiana e di Valerio Evangelisti

by Eymerich 7. dicembre 2015 03:49

Il numero 126 (novembre 2015) del prestigioso quadrimestrale accademico statunitense Science Fiction Studies è dedicato alla fantascienza italiana, con saggli a cura di Umberto Rossi, Arielle Saiber e Salvatore Proietti.Contiene un articolo di Valerio Evangelisti (Science Fiction: A Narrative in Line with the Times, già apparso su Le Monde Diplomatique edizione francese, tradotto e aggiornato da Salvatore Proietti) e alcuni studi che lo riguardano. In particolare quello di Luca Somigli (docente all'università di Toronto, che a Evangelisti ha dedicato uno studio biografico-letterario): My Name is Pantera; On Valerio Evangelisti's "Slipstream" Western Fiction. Ma tutto il fascicolo è estremamente interessante, anche quando non parla di Evangelisti, e dimostra come il disprezzo che la "letteratura alta" italiana ancora riserva alla narrativa fantascientifica sia prova di un triste provincialismo.

Tags:

Un saggio accademico, di Alberto Sebastiani, sulla "fan fiction" di Eymerich

by Eymerich 6. dicembre 2015 04:41

Valerio Evangelisti non si è mai opposto all'uso del suo personaggio più noto, Nicolas Eymerich (che sta per tornare in un romanzo intitolato provvisoriamente Eymerich risorge, undicesimo del ciclo), da parte di altri autori. Sono così apparse decine di romanzi, racconti, antologie (come quella dell'illustrazione) su Eymerich. L'entità del fenomeno ha indotto un docente dell'Università di Bologna, il prof. Alberto Sebastiani, a dedicargli un saggio sulla rivista on line di critica letteraria Between. Il testo è scaricabile in pdf da questo sito: http://ojs.unica.it/index.php/between/article/view/1582/1737.

Tags:

Powered by BlogEngine.NET 3.1.0.1
Theme by MoonEclypse

Calendar
<<  maggio 2017  >>
lunmarmergiovensabdom
24252627282930
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930311234

Vedi i post nel calendario più grande
Month List