In libreria dal 9 maggio 2017: EYMERICH RISORGE. La copertina definitiva

by Eymerich 17. aprile 2017 04:28


Tags:

LE LIVRE DE POCHE pubblica il 19 aprile il secondo tomo di Tutto Eymerich. La recensione di TELERAMA

by Eymerich 4. aprile 2017 04:12

Tre ragioni per rileggere la saga dei “Nicolas Eymerich, inquisitore”, di Valerio Evangelisti

di Hubert Prolongeau (da Télérama, 14/12/2016)

Nicolas Eymerich è esistito sul serio. Questo inquisitore del regno d’Aragona del Medioevo è diventato il protagonista di dieci romanzi di successo scritti dall’italiano Valerio Evangelisti, miscele brillanti di storia e fantasy. Riappaiono in tascabile in due volumi, in gennaio e aprile.

Capolavoro del romanzo popolare moderno, la saga dei “Nicolas Eymerich” di Valerio Evangelisti, che fonde romanzo storico e fantasy, era dispersa in Francia tra diversi editori. Ed eccone, in due volumi, presso le edizioni Le Livre de Poche, la prima versione integrale. Perché bisogna precipitarsi a comprarla?

1. Perché Valerio Evangelisti ha rilanciato il romanzo popolare italiano.

Nicolas Eymerich è esistito. Fu inquisitore del regno d’Aragona per più di cinquant’anni, nel XIV secolo, e scrisse un celebre Manuale degli inquisitori. Ed è come personaggio storico che Valerio Evangelisti ha inizialmente incontrato questo feroce difensore della cristianità. Nato nel 1952, il futuro romanziere, ancora studente, si dà allo studio della storia e pubblica numerosi saggi sul Partito socialista rivoluzionario e la lotta di classe in Emilia Romagna.

Quando decide di dedicarsi alla narrativa, vede nel Medioevo l’epoca che permette di dischiudere un immaginario rutilante, e si imbatte nel personaggio di Eymerich. Nicolas Eymerich, inquisitore, il primo volume che pubblica nel 1994, ottiene il Premio Urania, il più noto dei premi popolari italiani. Il successo commerciale è immediato. Con 50 mila copie in media, il ciclo (dieci romanzi in tutto) fa rinascere con sé la fantascienza italiana e conquista un largo pubblico, ben al di là degli appassionati del genere. Capofila generoso, Valerio Evangelisti associa al suo successo tutta una nouvelle vague di autori, lieti di essere trascinati da una tale locomotiva.

2. Perché il matrimonio tra fantasy e storia vi è particolarmente fecondo.

Storico e uomo di cultura, Valerio Evangelisti si rituffa con la sua serie nelle delizie di gioventù: il romanzo horror alla Frankenstein e tutto un lembo del cinema italiano, quello di Mario Bava e di Riccardo Freda. Nascondigli bui, paure, oscurantismo, violenza: la sua grande riuscita è fare vivere un Medioevo in cui i dettagli storici sono veri e in cui tutto un mondo sotterraneo di spiriti, di fantasmi, di terrori prende vita senza cadere nei clichés della heroic fantasy. Ogni libro è costruito su tre racconti differenti, che si svolgono in epoche diverse: passato, presente e futuro.

Eymerich non si contenta di seminare il terrore nel suo tempo, scorrazza anche in quelli altrui, e questo va e vieni permette all’autore di allargare le sua finalità a una denuncia di tutte le dittature: la Romania di Ceausescu è la Spagna di Franco si uniscono ai fuochi del XIV secolo: “Il meccanismo inquisitoriale è antico: possedere il cervello più che il corpo. C’è una permanenza dell’orrore dell’Inquisizione nelle dittature attuali. Ma io non prendo partito: mi interessa di più cogliere un meccanismo che attaccare un individuo”, dichiara l’autore.

Da cui, senz’altro, la sottigliezza del personaggio e la sua evoluzione tranquilla di romanzo in romanzo. Mai Eymerich è una caricatura dispotica, ma sempre un essere umano che l’accanimento a compiere il proprio dovere non mette al riparo dai dubbi, né dal soccombere a umanissime tentazioni. Nicolas Eymerich, inquisitore riesce persino a suggerire una perturbante e astuta idea dell’origine delle divinità. Il grande quotidiano italiano La Repubblica ha pubblicato, nelle sue colonne, il quarto romanzo della serie – un assaggio, giustificato allo stesso tempo dall’arte del racconto, dalla qualità della scrittura e dalla grande audacia di Valerio Evangelisti nel giocare con i generi.

3. Perché il suo destino editoriale in Francia è stato caotico...

Il ciclo Nicolas Eymerich ha avuto in Francia una pubblicazione complicata. I sei primi volumi (Nicolas Eymerich, inquisitore, Le catene di Eymerich, Il corpo e il sangue di Eymerich, Il mistero dell’inquisitore Eymerich, Cherudek e Picatrix: la scala per l’inferno) furono pubblicati da Payot-Rivages, poi ripresi in tascabile da Pocket. Ma la collezione in cui apparivano, diretta dal figlio di Jean-Patrick Manchette, Doug Headline, è cessata, e i quattro tomi successivi (Il castello di Eymerich, Mater Terribilis, La luce d’Orione e Rex Tremendae Maiestatis) sono stati pubblicati da La Volte, senza avere edizione tascabile.

E’ l’editrice Le Livre de Poche che pubblica ora, in due grossi volumi (il primo è appena uscito, il secondo uscirà in aprile), l’assieme dei dieci romanzi, fornendone per la prima volta un’edizione integrale e rivolta al grosso pubblico.

Tags:

In libreria dal 9 maggio

by Eymerich 4. marzo 2017 16:29

Dal risvolto di copertina:

Torna uno degli antieroi più amati dai lettori, l’inquisitore catalano Nicolas Eymerich, crudele e asociale quanto colto e intelligente.

E’ il 1374. Eymerich è incaricato dal papa Gregorio XI di indagare su un consigliere del re d’Aragona, sospettato di eresia e di arti magiche. Il domenicano intraprende, sulle tracce del dignitario, una spedizione che lo conduce dalla Provenza alle alpi piemontesi, zone in cui prospera l’esecrata chiesa valdese. Il cammino, di castello in castello, di abbazia in abbazia, di villaggio in villaggio, è segnato da prodigi, strane apparizioni, misteriosi fenomeni celesti. Eymerich Inizia a sospettare che dietro le stregonerie si celi una delle più minacciose cospirazioni mai ordite contro il cattolicesimo.

Su un altro piano temporale, lo scienziato Marcus Frullifer è rapito e condotto in un osservatorio dal nome inquietante, retto dall’ordine dei Gesuiti. I religiosi hanno scopi ambiziosi, che coinvolgono il futuro dell’umanità. Frullifer, grazie a una formula matematica che scardina le fondamenta della fisica moderna, pare aiutarli nell’intento.

Tutto ciò è scandito da un libro scritto in un lontanissimo futuro, il Vangelo della Luna. In esso un oscuro Magister, sul satellite terrestre, espone alla figlia e ai discepoli il dogma cristiano della “resurrezione dei corpi”. E dimostra, con argomentazioni curiosamente analoghe a quelle di Frullifer, come il tempo sia reversibile e la morte sia accidente transitorio.

Tags:

In Francia, LE LIVRE DE POCHE propone tutto Eymerich in due tomi. È uscito il primo

by Eymerich 25. ottobre 2016 04:42

La popolare collezione francese Le Livre de Poche pubblica i dieci romanzi che finora Valerio Evangelisti ha dedicato a Eymerich in due grossi tomi. E’ appena uscito il primo, di 1680 pagine. Questo è il testo della quarta di copertina:

Nicolas Eymerich è l’inquisitore generale d’Aragona, al servizio della Chiesa cattolica che serve in maniera rigida: obbedisce strettamente alle regole impartite e dà la caccia agli eretici nel sud dell’Europa, e in particolare in Francia. Perspicace quanto Sherlock Holmes, l’inquisitore deve confrontarsi con fenomeni inquietanti, apparentemente sovrannaturali.

Prova di bravura di Valerio Evangelisti, che ha saputo integrare un personaggio autentico (l’inquisitore e teologo catalano morto nel 1399) in una trama fantastica fatta di tre episodi paralleli, i primi cinque tomi delle avventure di Nicolas Eymerich sono riuniti per la prima volta in un solo volume.

Nicolas Eymerich, inquisitore, ha ottenuto il Grand Prix de l’Imaginaire nel 1999.

Questo volume raccoglie Nicolas Eymerich, inquisitore, Le catene di Eymerich, Il corpo e il sangue di Eymerich, Il mistero dell’inquisitore Eymerich e Cherudek.

Tags:

In libreria torna GOCCE NERE, romanzo di Valerio Evangelisti

by Eymerich 18. settembre 2016 16:24


La casa editrice CentoAutori ha appena pubblicato Gocce nere, romanzo breve di Valerio Evangelisti (pp. 226, € 13,00). Non è una “novità letteraria”. Scritto per una collana della casa editrice francese Baleine, poi scomparsa, per anni è stato liberamente scaricabile da questo sito. Nel 2001 è uscito in 24 puntate sul quotidiano “Liberazione”. E’ stato poi pubblicato, nel 2009, nella collana da edicola Epix, gemella di Urania.

La trama, riguardante una terribile società futura dominata dai mezzi di comunicazione, ingloba racconti molto noti come Il nodo Kappa e Sepultura.

Tags:

Su LASPRO Luigi Lorusso recensisce i tre volumi de IL SOLE DELL'AVVENIRE

by Eymerich 27. giugno 2016 04:00

da Laspro n. 36, maggio-giugno 2016

1500 pagine in tre anni, per una trilogia che racconta la storia di un clan familiare romagnolo tra il 1870 e il 1945: dagli ultimi epigoni delle tendenze socialiste dei garibaldini alla Resistenza tra i colli e gli Appennini tosco-emiliani, passando per le leghe di resistenza contadina, la nascita delle cooperative, alcuni socialisti che diventano amici dei padroni, quel ragazzo taciturno figlio di un bravo compagno, Alessandro Mussolini, le due guerre, la Spagna dove i figli anarchici combatteranno contro i padri stalinisti e ritratti memorabili di quanto facevano e fanno schifo i fascisti.
Valerio Evangelisti in tre anni pubblica questa trilogia che fa riemergere pezzi di storia d’Italia che non troviamo mai sui libri di storia ufficiali e neanche in altri, semplicemente perché le categorie di interpretazione marxiste non trovano più spazio. La storia, secondo Evangelisti, è storia di lotta di classi, e questo è quello che ritroviamo nella carne e nel sangue vivo delle famiglie Verardi e Minguzzi e dei loro vicini e compagni. Scopriamo episodi di solidarietà internazionalista alla fine dell’Ottocento, l’organizzazione delle squadre fasciste, la realtà consolidata delle cameracce romagnole, antesignane dei centri sociali. Come spesso gli accade, Evangelisti è maestro nel tracciare ritratti degli infami e perciò una delle figure che rimane più impressa è quella di Spartaco Tito Vezio Verardi, figlio di Canzio “mezzo socialista e mezzo anarchico”, combattente della I guerra mondiale, fascista, nazionalista, ex legionario fiumano, rinnegato da sua madre come traditore.
Un’opera che andrebbe salutata come un capolavoro nazionale, studiata nelle scuole, premiata con onoreficenze, ricordata negli anni a venire: ci piace pensare che, di queste cose, forse l’ultima avverrà davvero. Questi sono libri che dureranno da qui a cent’anni.

Tags:

In libreria I SENTIERI PERDUTI DI EYMERICH, negli Oscar Absolute

by Eymerich 14. giugno 2016 04:17

Esce in questi giorni l'Oscar gigante di Valerio Evangelisti I sentieri perduti di Eymerich (pp. 834, € 16,50). Comprende tre romanzi centrali del ciclo di Eymerich: Il mistero dell'inquisitore Eymerich, Cherudek, Picatrix, la scala per l'inferno. Da quest'ultimo romanzo fu tratto anche un radiodramma a puntate di grande successo.

Nella quarta di copertina si legge un passaggio di Cherudek: "Una vampata di odio gli esplose nella mente, cancellando ogni tracccia di compassione. Era quello, rifletté, il sentimento che la Luce gli comandava di coltivare, a sua immagine e somiglianza: la naturale crudeltà dei giusti.". Segue un brano di Tiziano Scarpa sulla "eternità" della narrativa di Evangelisti.

Senza voler esagerare, è certo che questi romanzi, innumerevoli volte ristampati e tradotti in molte lingue, passano di generazione in generazione.

Tags:

Powered by BlogEngine.NET 3.1.0.1
Theme by MoonEclypse

Calendar
<<  aprile 2017  >>
lunmarmergiovensabdom
272829303112
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
1234567

Vedi i post nel calendario più grande
Month List