27.10.08

Il Trophée 813 del 2008 a NOI SAREMO TUTTO (Nous ne sommes rien, soyons tout!)

L'associazione francese 813 raggruppa i professionisti transalpini del genere noir e poliziesco: scrittori, critici, giornalisti, traduttori. Ogni anno consegna un premio molto ambito, il Trophée 813, uno dei riconoscimenti più prestigiosi destinati, in Francia, agli autori di romanzi "neri".
L'associazione 813 prende nome da una delle storie più note di Maurice Leblanc, con protagonista Arsène Lupin. Gli iscritti sono per l'appunto 813 (e tale è il titolo della rivista da loro pubblicata). Vi si può entrare solo per morte o dimissioni di un appartenente. Il presidente è Claude Mesplède (nella foto a sinistra con Evangelisti, a Tolosa), storico e cronista del genere noir, finalmente tradotto anche in Italia. A lui è stata destinata quest'anno una targa speciale, per una pluridecennale e intelligente conduzione.
Il Trofeo è attribuito dall'assemblea generale degli iscritti, che si è riunita sabato 25 ottobre a Parigi. Valerio Evangelisti è risultato vincitore nella categoria "migliore romanzo straniero". Impossibilitato a partecipare alla cerimonia di premiazione, che si terrà prossimamente a Le Mans (sarà in Messico), Evangelisti ha incaricato Serge Quadruppani, traduttore del libro e premiato a sua volta, di ritirare la statuetta da parte sua.
Nous ne sommes rien, soyons tout! ha avuto in Francia un'accoglienza, di critica e di pubblico, persino migliore che in Italia. Straordinaria la recensione di Le Monde Diplomatique, ma tutte quante sono state eccellenti.

This page is powered by Blogger. Isn't yours?


FastCounter by bCentral