7.1.03

MATER TERRIBILIS

DICEMBRE 2002: TERZA EDIZIONE!
L'OTTAVA AVVENTURA DI NICOLAS EYMERICH

Anche chi ormai conosce Nicolas Eymerich, lo spietato inquisitore trecentesco definito da Goffredo Fofi "la pi¨ straordinaria creazione letteraria degli ultimi decenni", rimarrÓ sorpreso da questa sua nuova avventura. E' il 1362, e l'inquisitore generale d'Aragona Ŕ inviato a investigare sulla morte di alcuni confratelli, nella Francia sotto il dominio inglese. Gradualmente, la sua marcia alla ricerca della veritÓ si trasforma in una vera e propria discesa all'inferno. Muraglie di nebbia, foreste inestricabili, nuvole di cervi volanti, pietre che bruciano, frati deformi, inspiegabili fratture temporali. Prodigi analoghi accompagnano per˛ anche la vicenda che scorre in parallelo: quella tragica e gloriosa di Giovanna d'Arco, tra il 1429 e il 1431. Vista con gli occhi della Pulzella, o attraverso quelli del suo torbido compagno d'armi, Gilles de Rais, una pagina di storia tra le pi¨ note acquista tinte inedite e inquietanti, saldandosi a miti antichissimi.
Ma cosa unisce l'inchiesta di Eymerich nella Francia inglese con quanto avviene settant'anni dopo? In apparenza, solo un misterioso manuale di alchimia, l'Aurora consurgens. In realtÓ, il legame Ŕ la presenza di un nemico onnipresente e senza volto: la Mater Terribilis, incarnazione della femminilitÓ minacciosa e divoratrice, antitetica alla maternitÓ vera. Eymerich, e con lui il lettore, dovranno percorrere un vero e proprio percorso iniziatico, prima di scoprire in quale corpo umano il mostro si nasconda.

Recensione: Igino Domanin su Clarence
Recensione: Domenico Gallo su Pulp
Recensione: Mauro Trotta su Il manifesto
Recensione: Enzo Verrengia su La Gazzetta del Mezzogiorno
FAQ su Mater Terribilis
Recensione: Tonino Bucci su Liberazione

This page is powered by Blogger. Isn't yours?


FastCounter by bCentral